Sofà intelligenti o mobili che memorizzano ricordi: come l’IoT sta rivoluzionando l’industria del design. - At Factory
16560
single,single-post,postid-16560,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

02 Ott Sofà intelligenti o mobili che memorizzano ricordi: come l’IoT sta rivoluzionando l’industria del design.

Con l’avvento tecnologico sono cambiati gli stili di vita e non resta escluso il modo di vivere gli ambienti.
L’Internet of Things o Internet delle Cose – cioè gli oggetti connessi ad internet che interagendo tra loro e con la realtà circostante la digitalizzano o monitorano – ha cambiato l’industria del design.

Avete mai sentito parlare di sofà intelligenti?
Lift-Bit è un divano trasformabile a controllo digitale, realizzato da Carlo Ratti Associati per Vitra. Grazie all’IoT il sofà si adatta alle necessità dell’user trasformandosi e riconfigurandosi con un gesto della mano. La missione del designer è stata quella di creare un oggetto in grado di dialogare con l’utente, capendone le esigenze e rispondendo ai suoi bisogni.

Gli oggetti parleranno con noi e di noi. Così nasce Talking furniture di Lago che grazie alla tecnologia Nfc – Comunicazione in Prossimità – attiva un dialogo con i prodotti, memorizzando informazioni e ricordi che creano un vero e proprio diario emotivo.

Avete mai sentito parlare di tavoli  in grado di memorizzare regolazioni personalizzate? È il caso di Tecnus Evo prodotto da Emme Italia: questo tavolo, fornito di tecnologie bluethooth, dispone del Battery Pack ricaricabile che rende il tavolo indipendente dalla necessità di alimentazione elettrica, può essere regolato con uno smartphne e la App Desk Control è in grado di memorizzare regolazioni personalizzate e impostare obiettivi personali di wellness.

L’Internet of Things ha portato nelle nostre vite nuovi oggetti e nuovi modi di interagire con essi. I designer dovranno affrontare una nuova sfida: pensare agli oggetti di design non solo come prodotti fisici ma come servizi in grado di rispondere alle esigenze dell’utente.
Come farlo? Guardando al flusso dei dati che provengono dagli stessi prodotti ed usandoli per generare un’esperienza.
L’IoT avrà quindi un profondo impatto sull’industria del design e sulle nuove skills e conoscenze che richiederà.

Se sei un giovane designer e vuoi maggiori informazioni ti consigliamo questo articolo
Se invece hai un’idea di design e ti piacerebbe svilupparla partecipa al nostro Hackathon IoT registrandoti gratuitamente a questo link https://goo.gl/oHzbKzSeguici per ricevere tutti gli aggiornamenti!

No Comments

Post A Comment